José Saramago

Identikit letterari: José Saramago

Reading Time: 3 minutes

Lo scrittore di cui vi racconto questo mese è José Saramago, premio Nobel per la letteratura e una delle voci portoghesi che più hanno lasciato il segno negli ultimi decenni.

Autore con posizioni abbastanza forti, che lo hanno portato ad aver conflitti con il suo paese e con la Chiesa cattolica, Saramago non sembra essere scelto mai a compromessi con se stesso anche se il vero successo lo ha avuto in età avanzata dopo una vita passata a scrivere.

La vita di José Saramago

Nato il 16 novembre 1922 ad Azinhaga, in Portogallo come José de Sousa Saramago.

Con la famiglia si trasferirà molto giovane a Lisbona. Abbandonerà gli studi universitari per difficoltà economiche e inizierà a lavorare. Lavorerà nel campo dell’editoria per dodici anni come direttore di produzione.

Nella sua vita ha intrapreso molti mestieri, tra cui il fabbro, il correttore di bozze, il traduttore, il giornalista.

Il suo primo romanzo Terra del peccato del 1947 non è stato un grande successo, e oscurato dalla dittatura.
Negli anni ’50 Saramago si iscrive al partito comunista

Dal 1955 è stato traduttore per diversi editori di autori come traduttore di Colette, Maupassant, Tolstoi, Baudelaire, Hegel.

Negli anni sessanta diventa uno dei critici letterari più influenti del Portogallo, grazie alla rivista Seara Nova.

Ha preso sempre posizioni ben decise a livello politico e religioso, che gli hanno causato problemi con la dittatura Salazariana nel suo paese, ma anche con la Chiesa.

Gli anni novanta sono gli anni della sua consacrazione internazionale, grazie anche a libri come Il vangelo secondo Gesù, L’assedio di Lisbona e Cecità.

Nel 1998 riceve il premio nobel per la letteratura.

Morirà a 87 anni in Spagna, nella sua casa di Lanzarote, nel 2010.

Le opere

José Saramago è stato pubblicato inizialmente da Einaudi editore in Italia; dopo alcune dichiarazioni dello scrittore pubbliche (sul suo blog) contro la politica di Berlusconi, Einaudi scinde i contratto e da quel momento l’autore portoghese verrà pubblicato da Feltrinelli.

Eccovi una lista di opere pubblicate nel nostro paese.

  • Di questo mondo e degli altri, 1971

  • Il perfetto viaggio, 1973

  • L’anno mille993, 1975

  • Manuale di pittura e calligrafia, 1977

  • Oggetto quasi, 1978

  • Un terra chiamata Alentejo, 1980

  • Viaggio in Portogallo,1981

  • Memoriale del convento, 1982

  • L’anno della morte di Ricardo Reis, 1984

  • La zattera di pietra, 1986

  • Storia dell’assedio di Lisbona, 1989

  • Il vangelo secondo Gesù, 1991

  • Cecità.1995

  • Quaderni di Lanzarote,1994

  • Tutti i nomi, 1997

  • Il racconto dell’isola sconosciuta, 1997

  • La caverna, 2000

  • Il più grande fiore del mondo, 2001

  • L’uomo duplicato, 2002

  • Saggio sulla lucidità, 2004

  • Le intermittenze della morte, 2005

  • Le piccole memorie, 2006

  • Il viaggio dell’elefante, 2008

  • Il quaderno: testi scritti per il blog, settembre 2008-marzo 2009, 2009

  • Caino, 2009

  • Lucernario, 2011

  • Alabarde, alabarde, 2014

  • Il lucertolone, 2016

  • Diario dell’anno del Nobel: l’ultimo quaderno di Lanzarote, 2018

Lo stile di José Saramago 

José Saramago è stato famoso per scegliere nei suoi scritti prospettive strane e a volte controverse per raccontare le sue storie. Nelle sue opere spesso vediamo eventi scatenanti che fanno da premessa alla narrazione ricchi di eventi sovrannaturali, che nascondono significati puramente allegorici.

A livello stilistico è uno scrittore che ha deciso di usare in maniera molto personale la punteggiatura e l’ortografia: le frasi che scrive sono molto lunghe, con pochissime pause; i dialoghi sono incorporati nel testo senza virgolette o altri segni d’interpunzione, e molte volte i nomi non sono segnalati in maiuscolo, quando specificati. Le sue frasi molto articolate arrivano a essere lunghe pagine intere.

La sua scrittura è provocatoria, in molti casi ha scelto di parlare di argomenti che difficilmente altri avrebbero trattato, cercando di mettere in luce aspetti insoliti. Tematiche frequenti in Saramago infatti sono le indagini sulla natura dell’animo umano, ma anche la religione, la morte, la critica sociale aspra e non velata.

Nelle sue storie, delle volte con i contorni appena accennati, non ci sono eroi, ma persone umane e con i propri difetti, su cui l’autore non si preoccupa di fare giudizi anche intervenendo nel testo, o di provare pena per loro.

Quindi José Saramago è stato uno dei grandi autori della fine del secolo scorso, uno scrittore anticonvenzionale che ha fatto sentire la sua personale voce raccontando storie fuori dal comune e rimanendo nel cuore di molti.

 

Al mese prossimo con un nuovo approfondimento degli Identikit letterari.

Giorgia

Le fonti che ho usato per scrivere questo articolo:
https://it.wikipedia.org/wiki/Jos%C3%A9_Saramago
https://biografieonline.it/biografia-jose-saramago
In copertina: Saramago,_José_(1922).jpg: Mario Antonio Pena (oneras}derivative work: MachoCarioca / CC BY-SA (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *