stefano benni identikit letterari

Identikit letterari: Stefano Benni

Reading Time: 3 minutes

Stefano Benni, autore poliedrico impegnato da sempre su molti fronti, è una delle voci più caratteristiche nel nostro panorama letterario nazionale; con la sua ironia ha incantato generazioni diverse di lettori, e dagli anni sessanta a oggi porta avanti nel nostro paese un genere alquanto bistrattato come quello umoristico, mettendo nelle sue storie però molto di più che semplici risate.

In patria è amato ma lo è anche fuori dal bel paese: è stato tradotto infatti in 30 lingue e letto in tutti i paesi d’Europa.

La vita di Lupo

Nato a Bologna nel 1947, cresciuto tra le montagne dell’appennino dove verrà rinominato Lupo, Stefano Benni capisce che la scrittura è il suo campo sin da giovane.
Si iscrive all’università, ma non la conclude e diventa giornalista, dopo aver fatto l’attore senza ottenere grande successo.
Lavora in questo periodo per qualche giornale fino a quando non viene scoperto dalla rivista Il mago. È qui che nascerà il suo primo grande successo, Bar sport.

Nella sua vita ha fatto un po’ di tutto: ha lavorato per Mondadori, ha scritto sul Manifesto, su Mondo, sull’Espresso e su Panorama. È stato anche per un periodo autore delle battute di Beppe Grillo. Ha fatto lo sceneggiatore (ad esempio nella versione cinematografica del suo celebre Bar sport).

Ha lavorato in teatro, ha fondato un seminario sull’immaginazione, un progetto di solidarietà chiamato Gruppo lupo, e delle borse di studio per immigrati.

Insomma, Stefano Benni nella sua vita non è mai stato fermo, anzi ha dimostrato di saper destreggiarsi perfettamente su più fronti, oltre che allietarci con i suoi bellissimi libri .

Le opere di Stefano Benni

Stefano Benni è stato negli ultimi 40 anni un autore molto prolifico.
Ha pubblicato infatti 16 romanzi, tra cui ricordiamo Terra! (1983), Stranalandia (1984), Elianto (1996), Baol (1190), La compagnia dei celestini (1992), Saltatempo (2001), Margherita dolcevita (2005),  e l’ultimo. Dancing paradiso uscito nel 2019.

Ha scritto anche sedici raccolte di racconti tra cui i più celebri ovviamente Bar sport (1976), Il bar sotto al mare (1987), Bar sport duemila (1997), le Beatrici 2011 e Cari mostri (2017).

Ha pubblicato anche quattro raccolte di poesie (tra cui Blues in sedici del 1998, che egli stesso dichiara di essere il suo libro preferito dei suoi), e cinque libri legati al mondo del teatro.
Trovate tutti i suoi libri sul sito dell’autore.

Lo stile di Stefano Benni

Lo stile di Benni è personale e riconoscibile, quasi un marchio di fabbrica. Lo scrittore bolognese, infatti, ha fatto dell’ironia il suo tratto distintivo e l’ha messa nei suoi romanzi e racconti in abbondanza.
Un’ironia sottile e intelligente, di quella che ti fa ridere a crepapelle, ma che ha sempre un riferimento al reale, che purtroppo quello, ridere così tanto non fa.

L’opera di Benni infatti è affiancata da una costante satira sulla società del nostro paese, molte vole mascherandola con altri mondi nuovi immaginari, ma riconoscibilissima. Oltre al’interesse sulla società, la politica e le sue contraddizioni, un altro dei temi ricorrenti in questo scrittore è anche una attenzione particolare alla natura e all’ambiente.

Le ambientazioni dei suoi romanzi sono visionarie, colorate, fantasiose, così come i suoi protagonisti, delle volte grotteschi, delle macchiette surreali, altre volte coì vividi e reali.

Benni si diverte a giocare con le parole e a inventarne di nuove, fare della parodia di altri generi il suo forte, dimostrano un’incredibile padronanza della lingua e della penna, conferendo un carattere tangibile in ogni suo scritto, dove traspare la passione dello scrittore ma anche il suo amore per le parole.

Stefano Benni insomma è uno degli scrittori che ci permette di viaggiare con la fantasia, così divertente e dissacrante ma con un ‘opinione sempre ben chiara e dichiarata ad alta voce. Alcune sue storie sono già leggenda, e altre probabilmente lo diventeranno: speriamo che non si sia stufato di regalarci storie divertenti e meravigliose, perché qui ne abbiamo ancora bisogno.

Al mese prossimo con un nuovo approfondimento degli Identikit letterari.

Giorgia

Le fonti che ho usato per scrivere questo articolo sono:
https://www.stefanobenni.it/libri/
https://it.wikipedia.org/wiki/Stefano_Benni
https://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=770&biografia=Stefano+Benni
https://dilei.it/lifestyle/stefano-benni-scrittore-biografia-e-curiosita/456907/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *