Caccia al passato

Recensione di Caccia al passato, di Luca Leo

Reading Time: 2 minutes
Caccia al passato Book Cover Caccia al passato
Luca di LEo
Thriller
Self publishing
30/03/2017
Cartaceo- Ebook
301

Aspen, Colorado. John Abramson è un cacciatore solitario e dal cuore buono, la cui esistenza scorre ordinatamente fra i declivi dei boschi e il piccolo negozio gestito assieme a Mike, il suo unico amico. Fino al giorno in cui una serie d’inspiegabili eventi porterà al limite lo stato mentale del cacciatore, accompagnandolo dentro una spirale fatta di personaggi sinistri, interrogativi inquietanti e di un passato (il suo) tutt’altro che nitido. A braccetto con la morte…

Ritorna la rubrica dedicata ai nuovi talenti della scrittura.
Questo mese vi parlo del romanzo di esordio di Luca Leo, Caccia al passato.

Luca Leo è un autore calabrese, che vive in Puglia; il suo primo romanzo è proprio Caccia al passato, che è stato pubblicato a marzo di quest’anno, e in uscita questo mese ha la sua prima raccolta di racconti, Sette storie americane.

Caccia al passato racconta la storia di John, silenzioso cacciatore dal passato misterioso. La sua esistenza procede per inerzia, tra il lavoro nel suo negozio di caccia, le sue battute nel bosco e il suo unico amico Mike. Un uomo solitario la cui vita viene scossa da strani eventi che si succedono rompendo la monotonia, che lo porteranno a conoscere meglio sé stesso e il suo passato.
Un libro introspettivo che si evolve in thriller, una storia che inizia lentamente per poi immergere il lettore nel pathos di una narrazione ricca di misteri, tra chiesa, seconda guerra mondiale ed eventi sovrannaturali.

Caccia al passato è un libro che fonde in sé diversi generi: parte come un romanzo introspettivo e psicologico, mostrando un personaggio ben costruito sotto molte sfaccettature per poi sfociare in un thriller all’americana. L’autore stesso dice al riguardo: «In effetti è una commistione di generi; quando mi chiedono se ho scritto un thriller o un giallo, spesso mi trovo in difficoltà, non riuscendo a inquadrare la mia storia in un genere ben definito. Per quanto mi riguarda l’ispirazione spesso parte da un film che ho amato molto. O anche da più film».

Un personaggio complesso dunque, un cacciatore che fa un viaggio dentro sé stesso per scoprire cosa sono quei segnali che lo turbano. La costruzione perfetta del protagonista avviene anche tramite dettagli molto vividi sulla caccia, che ne sono mestiere e passione.

Il romanzo, nonostante sia scritto da un autore italiano, è ambientato negli Stati Uniti, grande amore dello scrittore. Descritto come se vedessimo un film, il piccolo borgo di Aspen, racchiuso tra montagne e i suoi abitanti che si conoscono tutti tra loro, risulta l’ambientazione perfetta per le vicende del cacciatore.

Una storia che nel suo corso si svela con più segreti, mostrandoci un mistero nascosto nei sotterranei della chiesa del paese e tra le montagne, con uno sfondo storico. I rimandi alla Seconda Guerra Mondiale e all’Olocausto rendono accattivante il romanzo, mostrandoci la faccia oscura sia del cattolicesimo che di un quieto paesino del Colorado. Interessante il mostrare l’antisemitismo e una faccia diversa del neo nazismo americano.

Il libro ha un finale aperto, come se un altro mistero sia pronto per arrivare. L’autore alla mia domanda su un secondo romanzo, risponde: «In effetti non ho mai pensato ad un possibile seguito, né l’ho scritto con l’intento di far proseguire la storia. Sinceramente non lo so, dipende anche dal riscontro dei lettori. Dovesse avere successo, ci penserei».

Caccia al passato è un libro coinvolgente, con una narrazione diversa che ci porta tra le montagne del Colorado, in un passato tormentato tra storia e suggestioni. Da leggere per assaporare un libro tra azione e mistero, alla scoperta del passato del cacciatore.

Se volete leggere il libro, potete acquistarlo al link affiliato Amazon.

Se volete leggere altri consigli di lettura invece vi invito nella sezione del blog Le recensioni di Book-tique.

Alla prossima con una nuova recensione!

Giorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *