leggere in lingua originale in digitale

#Leggiunebookanchetu: Leggere in lingua originale in digitale

Reading Time: 2 minutes

Leggere in lingua originale in digitale

Leggere in lingua originale è un ottimo modo per allenarsi quando si sta cercando d’imparare una lingua diversa dalla propria. Io stessa da  quando mi sono trasferita in Australia ho iniziato a leggere molti libri in inglese per fare pratica con la lingua, e devo dire che la cosa mi ha aiutato molto.

Ma cosa centra questo con la lettura digitale?

Leggendo un libro in una lingua diversa dalla propria ci si scontra con la difficoltà di lessico: anche sapendo abbastanza bene una lingua è abbastanza normale non conoscerne tutte le parole. Certe volte si può ovviare il problema intuendo il significato della parola sconosciuta dal contesto ma non è sempre facile.
Quindi si deve chiudere il libro, aprire il dizionario oppure cercare su internet il significato, perdendo un po’ il ritmo della lettura e anche l’attenzione alla storia.

Per questo, da devota lettrice di ebook quale sono, a tutti quelli che vogliono leggere un testo nell’edizione originale per fare pratica con una lingua straniera consiglio la lettura digitale.

Perché? È più semplice.

Il mio Kindle, ma ogni ereader sul mercato ormai, è dotato di un dizionario interno utilissimo in diverse lingue, sia per leggere anche in italiano ma fondamentale quando si legge in una lingua diversa dalla propri. Dunque senza spezzare il ritmo della lettura e perdere l’attenzione e l’interesse basta solo fare una ricerca interna al device per conoscere il significato della parola ostica, imparando qualcosa di nuovo e comprendendo meglio la storia che si sta leggendo. Basta un tam, o premere un bottoncino.

Ora poi, non per fare una pubblicità spudorata a kindle e ad Amazon che non ne hanno certo bisogno, ma l’ereader amazon ha una funzione chiamata Wordwise che, per alcuni libri, traduce direttamente nel testo dell’ebook le parole più difficili; questa funzione è anche regolabile in base alla propria conoscenza linguistica, passando da suggerimenti più frequenti a quelli solo per le parole davvero complesse.

E quindi per concludere mi sento di consigliare a cuor leggero a chi vuole imparare una lingua straniera o cimentarsi soltanto in alcune letture in lingua originale, magari perché il libro non disponibile nei cataloghi delle case editrici italiane, di farlo assolutamente in digitale, per legger meglio, più velocemente e senza troppe distrazioni.

Al prossimo mese con un nuovo approfondimento digitale e una nuova puntata di #leggiunebookanchetu.

Le puntate precedenti le trovate qui.

Giorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *