Editoria italiana: Guanda editore

Reading Time: 2 minutes

Per continuare il percorso che sto facendo da inizio anno sulle case editrici italiane oggi approfondiamo la storia, il catalogo e le collane di Guanda editore.

La storia di Guanda editore

La casa editrice viene fondata a Modena da Ugo Guandalini nel 1932. Si sposta a Parma nel 1936 e inizia a concentrasi sulla saggistica e opere di natura religiosa, e poesia.

Sin da subito l’editore cerca di avere un occhio riguardo per la qualità dando da subito un determinato carattere alla sua casa editrice.

Alla morte del fondatore, nel 1971 la sede si sposta a Milano, e avrà un periodo di serie difficoltà fino al 1986 quando verrà rilevata da Longonesi. La linea originale verrà ripresa e Guanda Editore inizierà un nuovo corso con Luigi Brioschi come direttore editoriale dal 1988, dove si inizia a puntare sulla narrativa estera di qualità.

Nel 2005 entra a far parte del Gruppo Editoriale Mauri Spagnol.
Nel 2018 acquisisce la casa editrice Astoria.

Le collane

Il sito di Guanda evidenzia alcune aree tematiche piuttosto che vere e proprie collane, e vi riporto come potrete trovare sul loro sito:

  • Best seller
  • Classici contemporanei
  • Il giallo e il noir
  • Il senso di Guanda per il nuovo
  • Le voci della Shoa
  • Libri per tutte le età
  • Poesia
  • Raccontare è resistere
  • Un tocco di classe femminile

Il catalogo Guanda

Come riporta il sito dell’editore, Guanda «si distingue fin dai primi anni per la sua linea editoriale originale e innovativa, rispecchiata in un catalogo che offre al lettore italiano la grande poesia europea, autori cruciali del Novecento, esponenti delle correnti più vive del pensiero moderno».

Tra classici e scoperte moderne, tra poesia e narrativa Guanda editore ha un offerta interessante e con un carattere ben preciso all’insegna di un gusto letterario ben chiaro. Tra gli autori che la casa editrice pubblica nel nostro paese troviamo Luis Sepúlveda, Nick Hornby, Irvine Welsh, Jonathan Safran Foer, Charles Bukowski per farvi solo qualche nome a livello interazionale e Ezra Pound, Pablo Neruda e Jaque Prévert per la poesia.

Un catalogo ampio, interessante, ricco di novità intriganti se si parla di letteratura nazionale e internazionale che di certo merita di essere scoperto e approfondito!

Per altre notizie sul mondo dell’editoria potete venirmi a trovare sulla sezione curiosità del blog. 

Per ora è tutto, vi do appuntamento al prossimo mese con un nuovo approfondimento sull’editoria italiana.

Giorgia

Le fonti che ho usato per questo articolo
https://www.guanda.it/elenco-aree-tematiche/
http://www.lombardiabeniculturali.it/archivi/soggetti-produttori/ente/MIDB001394/
https://it.wikipedia.org/wiki/Guanda#Catalogo https://www.illibraio.it/news/editoria/intervista-brioschi-guanda-417014/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *