l'arte di correre recensione libro murakami haruki

Recensione di L’arte di correre di Murakami Haruki

Reading Time: 2 minutes
L’arte di correre Book Cover L’arte di correre
Murakami Haruki
Biografico
Einaudi
2007
Cartaceo- Ebook
157

Murakami Haruki in uniform edition Super ET, con le copertine di Noma Bar.

***

Una riflessione sul talento, sulla creatività e piú in generale sulla condizione umana; l'autoritratto di uno scrittore-maratoneta, di un uomo di straordinaria determinazione, di profonda consapevolezza - dei propri limiti come delle proprie capacità -, di maniacale disciplina nel sottoporre il proprio fisico al duro esercizio della corsa; e non da ultimo la sorpresa di scoprire che un autore celebrato per la potenza della sua fantasia sia in realtà una natura estremamente metodica, ordinata, agli antipodi dello stereotipo dell'artista tutto «genio e sregolatezza».

Che Murakami Haruki sia uno dei miei scrittori del cuore è un fatto noto oramai. Oggi vi parlo di un suo libro diverso dal solito, non un romanzo ne proprio un’autobiografia. Ma una serie di saggi dedicati alla corsa, pubblicati ne 2005 e che portano il titolo in italiano di L’arte di correre.

Il volume affronta in nove testi scritti in luoghi e anni diverso dall’autore giapponese il rapporto dello stesso con la corsa. Murakami infatti ci racconta che la sua carriera da scrittore e maratoneta sono nate quasi in concomitanza e inizia in un racconto molto intimo e personale.

Questo piccolo volume parla infatti sì di corsa, ma è qualcosa di più: una collezione di ricordi, un racconto introspettivo dello scrittore che si racconta nella sua personalità e carattere, della sua attività da scrittore, delle sue passioni e il suo stile di vita.

Un volume certamente autobiografico che parla del rapporto con Murakami e il suo corpo, il superamento dei limiti personali, le gare, i tempi, la metodicità.

Ma anche la sua vita e il suo lavoro da scrittura. In L’arte di correre infatti l’autore racconta che sin da quando la sua attività da scrittore di professione è iniziata ha deciso di andare a correre ogni giorno: dunque un racconto sportivo, senza esortazioni ne pretese ispirazioni, ma più un diario legato all’atto del correre che racconta mezzo secolo di vita da scrittore, da uomo con i suoi pregi e i suoi difetti.

Devo dire che nonostante io e lo sport siamo agli antipodi, il libro è stata una piccola sorpresa: Murakami e la sua penna riescono a coinvolgermi parlando anche di qualcosa che mi annoia mortalmente. In più ho apprezzato molto la piega intima che prende lo scrittore giapponese in questi testi in cui senza problemi racconta se stesso attraverso la sua attività da maratoneta. Per un seguace e appassionato è sempre piacevole conoscere chi sta dietro i libri che tanto amiamo, e anche nel racconto personale, nonostante dica di non piacergli aprirsi ed è molto timido e riservato, da il suo meglio.

Dunque L’arte di correre è un piccolo volume che parla di corsa, di un pezzo di vita e del lavoro di Murakami. Consigliato sia a chi è appassionato di corsa ma anche a chi ama l’autore giapponese, per conoscerlo un po’ meglio seguendo la sua carriera di maratoneta.

Se volete leggere il libro, potete acquistarlo al link affiliato Amazon.

Se volete leggere altri consigli di lettura invece vi invito nella sezione del blog Le recensioni di Book-tique.

Alla prossima con una nuova recensione!

Giorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *