isabel allende

Identikit letterari: Isabel Allende

Reading Time: 3 minutes

C’era una volta una giornalista con una sfrenata fantasia, al quale il poeta Pablo Neruda disse di inizare a scrivere romanzi perché troppo poco obiettiva; lei non sapeva che sarebbe diventata una delle voci letterarie in lingua spagnola viventi più importanti del nostro tempo.

Oggi approfondiamo nell’identikit letterario del mese la figura di Isabel Allende, scrittrice di origini cilene che come vi anticipavo al momento è una degli scrittori in lingua spagnola ancora in vita più influenti al mondo.

La vita e le opere di Isabel Allende

Isabel Allende nacque a Lima, in Perù il 2 agosto 1942, da genitori peruviani. Il padre, diplomatico, abbandonò la madre, Isabel e i suoi due fratelli. Con la famiglia andò a vivere nella casa del nonno, quella casa che prese vita nel celeberrimo La casa degli spiriti, aiutate economicamente dallo zio, nonché futuro presidente del Cile, Salvador Allende.

Sin da bambina viaggiò molto: ha vissuto in Bolivia, in Europa e in Libano grazie al lavoro da diplomatico del secondo marito della madre. Si sposò con Michael Frias nel 1963 da cui avrà i suoi due figli, Paula e Nicolàs. Sono gli anni in cui Allende fa la giornalista, e con la sua rubrica Paula dimostra coraggio: senza peli sulla lingua è stata una voci fuori dal coro durante il pesante clima politico nel suo paese.
Dopo il colpo di stato di Pinochet, e l’assassinio dello zio, scappa in Venezuela dove si auto esiliò per molti anni; lottò la dittatura cilena aiutando i dissidenti a scappare e aiutò a diffondere la situazione per il mondo.

In Venezuela iniziò a scrivere proprio La casa degli spiriti, il suo primo lavoro da scrittrice, che lanciò la sua carriera narrativa prestissimo e la fece diventare famosa in tutto il mondo.

Dopo il successo internazionale di La casa degli spiriti scrive molti libri: D’amore e d’ombra (1984), Eva Luna (1985), Eva Luna racconta (1989), Il piano infinito (1991), Paula (1994), Afrodita (1997), La figlia della fortuna (1999), Ritratto in seppia (2001), La città delle bestie (2002), Il mio paese inventato (2003), Il regno del drago d’oro (2003), La foresta dei pigmei (2004), Zorro. L’inizio della leggenda (2005), Inés dell’anima mia (2006), La somma dei giorni (2008), L’isola sotto il mare (2009), Il quaderno di Maya (2011), Le avventure di Aquila e Giaguaro (2012); Amore (2013), Il gioco di Ripper (2013), L’amante giapponese (2015) e l’ultimo suo lavoro Donne dell’anima mia uscito l’anno scorso.

Sposò il secondo marito William Gordon dopo essersi trasferita negli Stati Uniti, paese di cui oggi è cittadina e dove ancora vive.

Isabel Allende, i libri, le donne e la realtà

Isabel Allende è una scrittrice che ci ha regalato moltissimi romanzi, tutti in qualche modo legati a figure femminili, mostrando una sensibilità e uno sguardo molto acuto sulla realtà. Peculiarità della sua narrativa è che ognuno dei suoi libri, benché molte volte ispirati a una fantasia che si allontana a primo acchito dal mondo reale, ci racconta di storie che ha vissuto e visto; partendo da La casa degli spiriti o Paula, che sono autobiografici, anche i suoi successivi lavori prendono spunto da storie vissute e da donne che ha visto nella sua vita, mostrando una capacità di osservazione molto profonda.

Nelle sue opere Allende racconta la sua terra, l’America latina con le sue tradizioni e la sua cultura, mostrando uno squarcio in tutto il mondo verso una terra meravigliosa e ricca. Ma anche il suo paese adottivo, gli Stati Uniti, dando voce però a storie di persone ai margini come in L’amante giapponese.

Isabelle Allende è una voce internazionale che però è sempre stata molto politicamente e socialmente attiva ed esposta, coraggiosa e dalla parte delle donne che ha sempre dimostrato di essere fedele a se stessa e disposta a lottare anche per tutte le donne.

Al mese prossimo con un nuovo approfondimento degli Identikit letterari.

Giorgia

Le fonti usate per questo articolo:
https://www.elle.com/it/magazine/libri/news/a169034/isabel-allende-biografia/https://lacapannadelsilenzio.it/lintrospezione-silenziosa-di-isabel-allende/http://www.enciclopediadelledonne.it/biografie/isabel-allende/
https://dilei.it/lifestyle/isabel-allende-scrittrice-biografia-e-curiosita/456679/
in copertina Isabel Allende via Flickr, foto di Casa de América: Isabel Allende, Isabel Allende presenta El juego de Ripper

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *