Recensione di Anna Karenina di Lev Tolstoj

Un libro al cinema: Anna Karenina (2013)

Reading Time: 2 minutes

Per il libro al cinema di oggi ho attinto alla riserva dei film tratti dai grandi classici della letteratura: ho visto, poco dopo averlo letto per la prima volta, il film tratto da Anna Karenina di Lev Tolstoj.

Il film è quello del 2013, con alla regia di Joe Wrighht e con un cast d’eccezione: Keira Knightley, Matthew Macfadyen, Kelly Macdonald, Aaron Johnson e Jude Law.

La Trama di Anna Karenina 

Anna Karenina è in visita al fratello stiva e la cognata Dolly, per riappacificare la loro relazione, quando incontra il bellissimo Conte Vroskij, il quale inizia a corteggiarla nonostante lei sia sposata con il funzionario Karenin e abbia un figlio che ami molto. Da questo incontro, corteggiamento e amore proibito si sviluppa la trama di questa storia.

La mia recensione del film

Devo ammettere che la visione di Anna Karenina è stata una goduria per gli occhi: sia che per le ambientazioni che per la scenografia e i costumi la produzione ha puntato sull’effetto barocco e esagerato la ricchezza della Russia del diciannovesimo secolo.
La peculiarità del film è di come il soggetto sembri quasi riadattato per il teatro e non per il cinema, e lo vediamo anche nella scenografia e nelle transizioni. L’effetto teatro è quindi evidente e un tocco stilistico; all’inizio devo ammettere che mi ha lasciato perplessa, ma facendo un bilancio complessivo dona un carattere a questo film tratto da uno dei più grandi classici della letteratura russa.
Il film è dunque particolare, teatrale, eccessivo, volutamente grottesco. Anche la recitazione particolarmente espressiva mi ha dato questa impressione.

L’unico mio personale dubbio, avendolo visto in lingua originale è: perché parlano inglese britannico?  E ancora: perché Keira Knightley fa tutti i grandi classici della letteratura sullo schermo?

Differenze tra libro e film

Le differenze tra il romanzo di Tolstoj e il film di Wright sono poche: devo ammettere che ci è voluta una forte abilità nel ridurre il contenuto di un mattone russo in poco più di due ore di film.

Forse l’unica cosa che è diversa, e è che nel film ci si concentra solo su Anna e Vroskij. E gli altri? E Levin che è il vero protagonista del libro? E Oblònskij e Dolly?

Tutti tranne i due innamorati sono trattati come coprotagonisti, mentre nel romanzo hanno un peso non indifferente nella storia, e hanno la propria linea narrativa che qui è tagliuzzata e lasciata un po’ da parte. Se leggendo il romanzo di Tolstoj speravo di vedere più la storia di Anna sin dall’inizio (non compare se non dopo un po’ di capitoli Anna Karenina) nel film mi è spiaciuto che hanno tagliato altri personaggi molto importanti per il libro. Sarò problematica aio? Forse.

Tirando le somme dunque devo dire che il film di Anna Karenina mi è piaciuto molto ed è bello da vedere, appassionante perché si concentra sulla parte romantica e dove la produzione è riuscita a creare l’ambientazione del romanzo di Tolstoj e impreziosirla con delle immagini che gli rendono più che giustizia. Dunque ve lo consiglio, anche se la prossima volta vorrei vedere un film tratto da un classico della letteratura con una attrice protagonista nuova.

Se volete vedere il film, vi lascio il link affiliato amazon per acquistare il DVD.

Trovate invece a questo link la recensione del libro di Anna Karenina.

E per ultimo vi lascio il Trailer ufficiale del film:

Alla prossima con un nuovo libro al cinema!

Giorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *