Recensione di Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò di Lewis Carroll

Reading Time: 2 minutes
Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò Book Cover Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò
Lewis Carroll
Libri per l'infanzia
Diverse edizioni, la mia Harper Collins
1871
Cartaceo- Ebook - Audiolibro
117

Cosa trovò Alice al di là dello specchio? Un mondo che è l'ideale continuazione di quel paese delle meraviglie, che Alice aveva già visitato, dove il sogno si confonde con il gioco e dove i personaggi delle 'nursery rhimes' si mescolano ai Re, alle Regine, agli alfieri degli scacchi. Ma non solo: Octavia Monaco disegna i momenti del libro assegnando ad ogni situazione il simbolismo magico degli arcani maggiori dei Tarocchi. Metafore? Ancora un gioco? Ancora un sogno?

Qualche mese fa ho comprato l’edizione straordinaria di Alice nel paese delle meraviglie con le illustrazioni di Minalima, in quelle spettacolari edizioni che in Italia sono edite da Ippocampo edizioni, ma per me in inglese sono edite da Harper Collins. Dopo aver riletto Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie in inglese mi sono buttata a terminare il volume che comprendeva anche Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò che non avevo mai letto.

La storia incomincia un pomeriggio in cui Alice, giocando a scacchi, attraversa lo specchio sopra il camino e ritorna nel paese delle meraviglie, luogo incantato che ha conosciuto sei mesi prima nelle sue celebri avventure. Qui, ancora, tra creature strane come i gemelli Pinco e Pallo, fiori parlanti, regine bianche e regine rosse, personaggi di scacchi, uova con la faccia e tanti divertenti poemetti, facciamo ritorno con Alice i questo mondo onirico e magico.

Proprio come nel primo romanzo, Carroll amplifica la dimensione onirica di questa storia tra sogno e realtà, riportando la nostra eroina in un mondo a cui ci eravamo già affezionati tra magici personaggi, paradosso, e simpatiche filastrocche.

Capire Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò e tutti i suoi giochi di parole in inglese è stata un impresa più difficile del previsto: se i traduttori in giro hanno avuto difficoltà a tradurlo in ogni lingua cercando la fedeltà linguistica a questo intreccio di giochi di parole, filastrocche per bambini inglesi e riferimenti culturali, per un profano come me comprenderne la vera essenza in lingua originale è stato un compito difficile. Forse è anche per questo motivo per cui non ho apprezzato questo libro come il precedente, non mi sono coinvolta nella strana partita a scacchi giocata da alice per diventare regina di questo magico mondo, popolato dai personaggi delle sue filastrocche preferite.

Insomma, Attraverso lo specchio e quel che Alice vi trovò è il naturale seguito di Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie, un po’ malinconico e meno colorato del primo, ma sempre un grande classico della letteratura dell’infanzia. Non imprescindibile questa volta, ma di certo una lettura fantasiosa e godibile.

Se volete leggere il libro, potete acquistare l’edizione speciale di Minalima in inglese come la mia al link affiliato Amazon.

Se volete leggere altri consigli di lettura invece vi invito nella sezione del blog Le recensioni di Book-tique.

Alla prossima con una nuova recensione!

Giorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *