Recensione di Perché Scrivere di Zadie Smith

Reading Time: 2 minutes
Perché scrivere Book Cover Perché scrivere
Zadie Smith
Saggistica
Minimum fax
2011
Cartaceo e Digitale
75

Nell'epoca di internet, della frammentazione delle informazioni, della spettacolarizzazione della cultura, della frenetica corsa al consumo e al successo individuale, che ruolo può ancora avere lo scrittore? In cosa consiste la sua rilevanza? Scrivere può ancora essere un gesto politico? Quanta importanza ha la tecnica? Cosa serve per scrivere bene? Da cosa si misura il valore di un libro, e del suo autore? Che significa scrivere onestamente? Zadie Smith affronta queste domande in maniera intelligente e diretta, partendo proprio dalla sua esperienza di autrice e dalla sua acutezza di critico culturale: ne escono pagine che sono al tempo stesso un vademecum per gli aspiranti scrittori, una brillante provocazione verso gli intellettuali, e uno spunto di riflessione affascinante per chiunque ami la letteratura.

 

 

Perché scrivere è una raccolta di due saggi della scrittrice e saggista britannica Zadie Smith. Il volume in Italia è edito da Minimum fax nella loro collana dedicata alla scrittura, Filigrana, e ripubblicato nel 2017 nella traduzione di Martina Testa e Marina Astrologo

Il saggio si divide in due parti: Perché scrivere, da cui prende il titolo il testo e Il fallimento riuscito.

Senza proporci manuali sulla scrittura né libri motivazionali, o autobiografia di una scrittrice, Smith parla in un librino breve e snello della scrittura da una prospettiva diversa.

Perché scrivere? Come riuscire a superare il fatto di non aver scritto il grande romanzo della vita? Quale è la prospettiva che critici e lettori dovrebbero avere leggendo uno scrittore? Queste alcune delle domande su cui si focalizza Smith, e le analizza in maniera intelligente e da una diversa prospettiva.

Il prima saggio si concentra nell’analizzare il ruolo dello scrittore nella modernità, partendo dalla concezione di scrittura di grandi della letteratura: cita Orwell, Pope, Nabokov, Von Rezzori. Partendo dai motivi per i quali scrivere di questi grandi della letteratura, l’autrice ci parla di come saranno gli scrittori del futuro, facendo ipotesi e una analisi lucida della società moderna in cui poco spazio viene data alla cultura.

Nel secondo saggio invece, partendo da un esempio di uno scrittore immaginario che non scrive il grande romanzo che credeva di scrivere – Smith parla come esempio del mito del grande romanzo americano per esempio –, vengono analizzate invece le posizioni della critica e del lettore in relazione a un libro; ma pure di come ogni buon critico dovrebbe approcciarsi nel giudicare un romanzo partendo dall’assunto che in ogni romanzo ci sarà sempre la visione parziale delle realtà presa dalle esperienze del suo autore. Ogni libro è dunque la parziale verità dell’autore e del suo mondo, e il lettore o il critico dovrebbero tenere bene a mente questa cosa mentre lo leggono.

Ho trovato questo testo davvero stimolante e interessante, prima di tutto perché come vi dicevo non è il classico libro sulla scrittura. Zadie Smith si approccia al tema prendendolo da diversi punti di vista, parlando molto in generale ma dando posizioni interessanti e di certo condivisibili. In più è un testo che si fruisce facilmente, che unisce critica letteraria all’esperienza di una scrittrice a riflessioni più teoriche sul mestiere dello scrivere, le sue motivazioni, quel che sta dietro a un libro e alla sue scrittura. Il tutto scritto in maniera diretta, scorrevole e piacevole.

Perché scrivere è dunque un volumetto che consiglio assolutamente sia a scrittori sia a chi piace leggere con uno spirito critico, dove Zadie Smith ci prende per mano e ci accoglie nelle sue riflessioni sulla scrittura e le letteratura.

Se volete leggere il libro, potete acquistarlo al link affiliato Amazon.

Se volete leggere altri consigli di lettura invece vi invito nella sezione del blog Le recensioni di Book-tique.

Alla prossima con una nuova recensione!

Giorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *