Diario Letterario di Un’Italiana in Australia – Capitolo 13: un capitolo Natalizio

Reading Time: 3 minutes

Diario Letterario di Un’Italiana in Australia

Capitolo 13: un capitolo Natalizio

Tadaaa, rieccoci con i miei aggiornamenti personali/letterari del venerdì! Vi sono mancata un po’ questa settimana, dite la verità. Questa settimana vi racconto il mio resoconto pre-Natalizio in attesa del grande giorno, qua in quest’Australia senza Natale.

Come è andata la mia settimana?
Inizio raccontandovi che abbiamo finalmente iniziato a fare un po’ di vita sociale, ma senza esagerare: sabato sera siamo stati a una grigliata a casa di una famiglia che ci ha aiutato molto da quando siamo arrivati a Mareeba (quelli che ci hanno venduto l’auto e aiutato a trovare casa per intenderci) che hanno un alloggio per backpackers e così abbiamo fatto un po’ di chiacchiere con molti ragazzi. Finalmente! Adoro fede e Andrea, ma ogni tanto ho proprio il bisogno di frequentare della gente, e soprattutto di parlare con qualcun altro!

Domenica è stata giornata di shopping intenso: che gioia! Ho comprato i regali di Natale ai ragazzi, ho decisamente speso troppo per i miei autoregoli, e tutto sommato è stato un bello svago in una vita di solo casa e lavoro in pratica. Mi sono comprata tantissime cosine, e sensi di colpa a parte, ne sono super felice. E finalmente si è iniziato a sentire lo spirito natalizio! Vedere il centro commerciale tutto addobbato, ha fatto sentire me più vicina al Natale; questa è una di quelle piccole cose che ti accorgi che ti mancano quando non le hai.

La settimana è stata dura, ed inframezzata da una birra al tramonto nella mia amata Palm Cove (vedi foto di copertina). Il lavoro pre-Natalizio è stato più strong del solito: lunedì abbiamo iniziato alle sette anziché alle 10.30, in virtù di una settimana piena prima di Natale, con lo spauracchio, a inizio settimana, di lavorare anche sabato mattina. Pesante si ma con una bella motivazione, pensando che almeno guadagneremo bei soldini dato che la prossima settimana sarà a metà: infatti saremo a casa tre giorni (oltre domenica) e lavoreremo solo giovedì venerdì e sabato. Idem anche la settimana dopo. Felicità!

Piani per Natale e l’ultimo dell’anno ne abbiamo?
A Natale vorremmo (io, protagonista assoluta del giorno) festeggiare in spiaggia e vedremo dove ci porterà il cuore, perché ancora non abbiamo piani ben preciso per il momento. Sapete, anche se probabilmente l’ho già detto, che il giorno di Natale di quest anno compierò 30 anni, e visto l’ingrata sciagura mi sembra una magra consolazione questo piano speciale passarlo al mare, non credete anche voi? (ndr sono almeno 5 anni che ho il terrore di questo momento, come se quel giorno mi dovessero rapire gli alieni e fare una speciale iniziazione all’età adulta).
L’ultimo dell’anno probabilmente andremo in città, la big city Cairns, a fare bisboccia con il nostro amico Davide, italiano anche lui è conosciuto al college. Anche qui non abbiamo piani precisi, vedremo cosa succederà durante queste feste australiane, carpe diem insomma.

Lettura time: cosa ho letto nella mia ultima settimana da 29 enne?
Ho finito Piccole donne, un libro cruciale della mia infanzia che mi accorgo solo ora mentre scrivo quanto abbia avuto un valore simbolico per me leggerlo nei miei ultimi giorni da ventenne prima dell’età adulta. Sono in dirittura di arrivo anche per Alta Infedeltà, di cui oramai vi parlerò nel nuovo anno. Spero nei prossimi giorni di aver qualche momento in più per leggere, e concedermi qualche lettura sorprendente prima della fine dell’anno.

Per coronare questo breve periodo pre-Natalizio Questo sabato andremo alla festa di Natale del lavoro, nell’unico locale qui in town, il Gateway. Speriamo di divertirci, e magari è la volta buona che ci facciamo qualche amico qui a Mareeba!
Alla fine sorpresa sorpresona non lavoriamo domani e oggi abbiamo lavorato mezza giornata, felicità alle stelle e una prospettiva di ben 5 giorni liberi consecutivi, yuppiedu.
Sono dunque in vacanza per ben 5 giorni, e la prossima volta che vedrò delle banane e scriverò a voi avrò compiuto trent’anni. Speriamo di non invecchiare troppo in una settimana.

Breve riassunto a punti della settimana:

  • Mancano ufficialmente quattro giorni a Natale, al mio compleanno, e ai famigerati 30 anni
  • Gli australiani odiano il natale, probabilmente sono amici del Grinch
  • La scuola in Australia finisce a Dicembre e inizia a Febbraio, hanno un mondo proprio al contrario loro
  • Chissà come sarà passare Natale sulla spiaggia
  • Speriamo che gli alieni non vengano seriamente a prendermi, ho ancora tante cose da dare alla gioventù
  • Bye Bye Banane per 5 giorni, non mi mancherete, no no no
  • Qui festeggerò il mio compleanno con mezza giornata di anticipo, l’Australia mi invecchia assai di più

Finiti i miei sproloqui, vi abbraccio forte tutti e vi auguro di passare bene questi giorni. Ma ora la vera domanda è: Babbo Natale me li porterà i regali quest’anno, o crede anche lui che l’Australia non esiste?

Se vi è piaciuto il mio capitolo apparentemente Natalizio, prima di andare via, aspettate ancora un attimo: se ve li siete persi, ecco i capitoli precedenti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: