La meccanica del cuore

Recensione di La meccanica del cuore di Mathias Malzeiu

Reading Time: 3 minutes
La meccanica del cuore Book Cover La meccanica del cuore
Mathias Malzeiu
Narrativa
Feltrinelli Editore
2007
Cartaceo- Ebook
147

Nella notte più fredda del mondo possono verificarsi strani fenomeni. È il 1874 e in una vecchia casa in cima alla collina più alta di Edimburgo il piccolo Jack nasce con il cuore completamente ghiacciato. La bizzarra levatrice Madeleine, dai più considerata una strega, salverà il neonato applicando al suo cuore difettoso un orologio a cucù. La protesi è tanto ingegnosa quanto fragile e i sentimenti estremi potrebbero risultare fatali. Ma non si può vivere al riparo dalle emozioni e, il giorno del decimo compleanno di Jack, la voce ammaliante di una piccola cantante andalusa fa vibrare il suo cuore come non mai. L'impavido eroe, ormai innamorato, è disposto a tutto per lei. Non lo spaventa la fuga né la violenza, nemmeno un viaggio attraverso mezza Europa fino a Granada alla ricerca dell'incantevole creatura, in compagnia dell'estroso illusionista Georges Méliès. E finalmente, due figure delicate, fuori degli schemi, si incontrano di nuovo e si amano. L'amore è dolce scoperta, ma anche tormento e dolore, e Jack lo sperimenterà ben presto. Intriso di atmosfere che ricordano il miglior cinema di Tim Burton, ritmato da avventure di sapore cavalleresco, una favola e un romanzo di formazione, in cui l'autore, con scrittura lieve ed evocativa, punteggiata di ironia, traccia un'indimenticabile metafora sul sentimento amoroso, ineluttabile nella sua misteriosa complessità.

«Hai in mano la carta vincente: il tuo cuore. Tu credi che sia una debolezza, ma se l’accetti per quello che è, l’orologio-cuore ti renderà speciale.»

Non si giudica un libro dalla copertina; o anche si.
Ero in una delle mie sessioni di acquisto in libreria, e Feltrinelli faceva quell’estate per la prima volta la mitica offerta di due libri a 9.90. Fissavo lo scaffale interdetta dalla smania di acquistare più libri possibile. Ero andata sul sicuro con i primi tre, ma l’agitazione nello scegliere il quarto libro era molto forte. È stata proprio la copertina a conquistarmi, e convincermi a portare con questo piccolo volume: sto parlando de La meccanica del cuore, di Mathias Malzeiu.

Siamo a Edimburgo, durante la notte più fredda del mondo. Una giovane ragazza si arrampica verso la casa della famosa levatrice Madeleine, considerata da tutti una strega, per partorire la sua creatura non troppo desiderata. Una volta nato il bambino, però si scopre che ha un problema grandissimo: ha il suo piccolo cuoricino congelato. Madeleine per salvare la vita al neonato, sistemerà il cuore di Jack con degli ingranaggi di un orologio a cucù. Da quel momento adotterà il piccolo ragazzo dal cuore difettoso, facendolo crescere nella sua stamberga accompagnato da zii molto curiosi. La madre crescerà il piccolo con tre regole fondamentali, ben inchiodate sopra il suo letto: «Uno, non toccare le lancette – Due, domina la rabbia – Tre, non innamorarti, mai e poi mai…».

Ma a Jack non sembra ben chiara questa regola: nonostante Madeleine lo abbia tenuto in casa senza mai veder nessuno per proteggere la sua precaria situazione, la prima volta alla scoperta del mondo si innamora di una bellissima e miope ballerina andalusa. Un amore che lo porterà ad attraversare l’Europa intera in monopattino, alla conquista della bellissima miss Acacia.

La meccanica del cuore

In un’ambientazione gotica vediamo in La meccanica del cuore una vera e propria, grandissima, storia d’amore. Un bambino che poi diventerà un uomo molto determinato, che farebbe di tutto per la sua amata, cercando in tutti i modi di conquistarla. Un sentimento che si evolve e muta sfogliando tutte le sfumature, dalla purezza dell’amore infantile alla più ceca gelosia, tanto forte quanto distruttivo.

Oltre all’amore Malzeiu ci racconta tra le sue pagine un altro tema, la diversità. Il suo protagonista è un ragazzino diverso dagli altri, non convenzionale, e vittima di prese in giro e bullismo per questo; ma anche molti dei co-attori di questa vicenda sono persone sopra le righe e non convenzionali. Diventano quindi la voce delle persone non comuni, degli emarginati, delle persone “difettose” facendo di ciò la sua forza principale, con un messaggio bellissimo di inclusione.

La meccanica del cuore ha uno stile particolare per raccontarci la sua moderna favola, e ci tiene incollati alle sue pagine. Emoziona, appassiona e coinvolge il lettore nelle sue 145 pagine e ci immergere in questo mondo parallelo creato per raccontare le avventure di Jack, il suo strambo compagno Melies e miss Acacia, facendo diventare questo piccolo libro un gioiellino della narrativa contemporanea.

Una volta finito La meccanica del cuore, letto in poche ore sulla spiaggia di Lignano Sabbiadoro, sono corsa a cercare la versione cinematografica: infatti da questo dolcissimo racconto è stato tratto un film di animazione francese, che mi ha conquistata per i disegni particolari (quelli riprodotti sulla copertina che mi ha fatto innamorare, per intenderci) e le canzoni da musical. La storia è quasi del tutto fedele e racconta le avventure di Jack, anche se il finale è completamente diverso.

La meccanica del cuore è una moderna fiaba dal retrogusto gotico, appassionante e che si legge tutto d’un fiato; da leggere per scoprire una storia di amore dal cuore a cucù.

Se volete leggere il libro, potete acquistarlo al link affiliato Amazon.

Se volete altri consigli di lettura invece vi invito nella sezione del blog Le recensioni di Book-tique.

Alla prossima con un nuova recensione!

Giorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *