Il grande Meaules recensione libro

Recensione di Il grande Meaulnes di Alain-Fournier

Reading Time: 2 minutes
Il grande Meaulnes Book Cover Il grande Meaulnes
Alain-Fournier
Classico
Feltrinelli Editore
1913
Cartaceo- Ebook
258

“C’era fra noi, più chiara che se avessimo detto mille parole, un’intesa segreta”

“Il piccolo immenso gioiello lasciato da Alain-Fournier ha cristallizzato per generazioni di lettori la poesia misteriosa della giovinezza. È un romanzo che ben presto sgattaiola via dalle reti delle letture critiche, si sottrae alle analisi e diventa qualcosa di più, qualcosa d’altro, come lo sono diventati Siddharta o Il giovane Holden o Sulla strada. È uno di quei casi in cui l’esperienza stessa della lettura prolunga, amplifica, sdoppia la suggestione dell’opera: ricordiamo i pomeriggi in cui sottolineavamo paragrafi di Hesse fumando sul letto, ricordiamo il corridoio del liceo dove seduti per terra leggevamo Holden ed eravamo Holden, ricordiamo il sacco a pelo dentro al quale, sul ponte della nave, leggevamo una copia di Sulla strada incartapecorita dalla salsedine, ricordiamo l’estate gialla e immobile di calore in cui leggevamo Meaulnes e sentivamo palpitare in noi la sua irrequietezza. Questa capacità di riecheggiare forte, di trovare la muta sintonia con una sensibilità acuminata, è la vera profonda grandezza del romanzo, che non sta nell’intreccio, […] ma in una sorta di finissima eppure possente costruzione mitica di cui vogliamo cogliere tre motivi chiave: l’infanzia, l’avventura, il meraviglioso.” Dalla Postfazione di Yasmina Melaouah
Finalmente una nuova traduzione per un romanzo magico, un libro che come pochi altri sa trasmettere la fantasmagoria della giovinezza.

Per la #maratonaclassica di quest’anno, un gruppo di lettura annuale in cui stiamo affrontando una serie di classici, abbiamo letto Il grande Meaulnes, opera prima nonché unica di Alain Fournier, uscita per la prima volta in  puntate nel 1913 sul Nouvelle Revue française e rimasta un classico della letteratura francese.

Di cosa parla Il grande Meaulnes?

François Seurel è il narratore di questa storia e ci racconta della sua infanzia in compagnia del suo amico Meaulnes.
Dopo una scappatella notturna di Meulnes, costretto a riferire all’amico la sua avventura, racconterà di un paese senza nome, di un castello abbandonato e di una ragazza che gli ha rubato il cuore.

Da questo si avvierà sviluppo delle vicende di questo romanzo, vedendo la crescita dei due ragazzi e il loro raggiungimento della maturità.

Il grande Meaules è un romanzo di formazione, che con una vena nostalgica verso un’infanzia che si idolatra e si ricorda come perfetta e idilliaca, con anche una componente autobiografica.
Il libro parla di giovani che crescono tra avventure e primi amoridi, dividendo la storia in tre parti in cui vediamo i due protagonisti crescere, dall’essere bambini assieme, passando per l’adolescenza arrivando alla giovinezza.

La storia  parla di amicizia, lealtà, promesse e amore; infatti lo si può considerare un racconto romantico che parla del coronamento del sogno d’amore e dell’arrivo al matrimonio.

Ma si parla anche d’illusioni infrante, di amori impossibili che diventano lo scopo e ossessione dell’esistenza. Il tutto poi narrato in maniera malinconica: l’autore sembra aggrapparsi quasi con forza alla bellezza di quei bei tempi andati con la consapevolezza che purtroppo non torneranno più.

Devo essere onesta e ammettere che non sono riuscita ad apprezzare questo libro; immagino sia un mio limite, ma, nonostante la scrittura fluida e in qualche modo scorrevole di Fournier, la storia mi ha un po’ annoiata e non sono riuscita a fare miei i messaggi da essa veicolata. Non amo fare recensioni negative per demolire un libro, ma devo anche essere sincera e ammettere quando un titolo proprio non sono riuscita a farmelo piacere.

Il grande Meaulnes lo consiglio però a chi ama questo tipo di romanzi, dove magari l’azione viene a mancare ma che raccontano storie tra romanzo di formazione e amore.

Se volete leggere il libro, potete acquistarlo al link affiliato Amazon.

Se volete leggere altri consigli di lettura invece vi invito nella sezione del blog Le recensioni di Book-tique.

Alla prossima con una nuova recensione!

Giorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *