Pomodori verdi fritti al caffè di Wistle stop recensione libro flannie flag

Recensione di Pomodori verdi fritti al caffè di wistle stop di Flannie Flagg

Reading Time: 2 minutes
Pomodori verdi fritti al caffè di Wistle Stop Book Cover Pomodori verdi fritti al caffè di Wistle Stop
Flannie Flagg
Narrativa
Bur
1987
Cartaceo- Ebook
363

Evelyn Couch, 48 anni, è infelice, delusa e insoddisfatta dal matrimonio e dalla vita in generale. Durante la visita alla suocera in un ospizio, incontra la signora Cleo Threadgoode ed ecco un mondo nuovo si spalanca ai suoi occhi: il caffè di Whistle Stop. Un mondo variopinto di diversi personaggi che la signora ha visto raccogliersi e alternarsi nel piccolo bar-ristorante aperto cinquant’anni prima nel profondo Sud degli Stati Uniti. Il caffè è condotto dalla dolce Ruth e la bisbetica Idgie, una coppia di donne fuggite dai loro uomini e decise a ricostruirsi una vita.

Oggi vi racconto un libro molto speciale, che mi ha colpito particolarmente: la recensione della domenica ha come protagonista Pomodori verdi fritti al caffè di Wistle Stop di Flannie Flagg.

Di cosa parla Pomodori verdi fritti al caffè di Wistle Stop?

Il volume, tra passato e presente, racconta la storia del caffè di Wistle stop che viene menzionato nel titolo; non solo però un semplice ristorante di un paesino che è visitato a causa della fermata del treno, ma la collezione delle vicende di un’intera comunità, piccola, di provincia, fatta di persone che si conoscono tutte, di un giornale dell’ufficio postale, di un salone di bellezza, della ferrovia che fa passare molta gente da lì.
Protagoniste di questa vicenda corale sono la signora Threadgoode, anziana in casa di riposo che racconta all’amica Evelyn Couch la storia di quando lei era giovane a Wistle stop, quando è stato aperto il caffè e la storia d’amore tra Idgie e Ruth.

Una trama che si sbroglia piano, con diversi resoconti e escamotage narrativi per portarci indietro nel tempo, in quegli anni in cui Wistle Stop fioriva e il caffè era il suo centro vitale.

Interessante è in questo libro vedere i diversi metodi narrativi: il divertente bollettino dell’impiegata postale che racconta puntualmente gli avvenimenti della cittadina, i racconti del presente che arrivano dai ricordi della signora Threadgoode, ma anche molti flashback che spiegano cose dove la memoria del singolo non può arrivare.

Oltre la struttura intrigante, la storia di Pomodori verdi fritti al caffè di Wistle Stop parla di temi importanti, facendo il suo messaggio portante l’integrazione e la diversità.
I personaggi che popolano queste pagine sono persone “diverse”, afroamericani, omosessuali, oppure senzatetto, o ancora individui con disabilità fisiche o mentali, in crisi di mezz’età e infelici, o semplicemente anziani.
Questa storia parla davvero di tantissimi temi delicati, ma lo fa con una delicatezza che è difficile da ritrovare in qualsiasi altro romanzo.
L’integrazione che racconta questo romanzo non è fatta di moralismi, né buonismo, né pretese alcune, ma attraverso la normalità e il racconto di come il supporto di una comunità molto coesa a riesca ad abbattere certe barriere.
E cosi che il razzismo in queste pagine viene affrontato con l’amore e idee rivoluzionarie come parità e integrazione (rivoluzionare per i tempi in cui la storia è vissuta, ovvero gli anni trenta e quaranta), l’omosessualità è vista come due persone che si amano e sono destinate a stare assieme, la diversità è abbattuta perché in fondo tutti meritano un piatto di pomodori verdi fritti.

In più, se si arriva alla fine del libro trovate la ricetta originale di mitici pomodori del titolo, quella cucinata nel romanzo!

Pomodori verdi fritti al caffè di Wistle stop è un libro che è un piccolo gioiellino sia per lo stile che per il contenuto; un romanzo che parla di tematiche davvero importanti, con leggerezza e semplicità, e che colpisce anche per questo.
Da leggere per fare un viaggio con la signora Threadgoode e Evelyn a Wistle stop, e assaggiare i famosissimi pomodori verdi fritti del caffè di Idgie e Ruth.

Se volete leggere il libro, potete acquistarlo al link affiliato Amazon.

Se volete altri consigli di lettura invece vi invito nella sezione del blog Le recensioni di Book-tique.

Alla prossima con una nuova recensione!

Giorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *