La passione secondo Therésè

La passione secondo Therésè: l’ultimo capitolo ufficiale della saga dei Malausséne

La passione secondo Therésè Book Cover La passione secondo Therésè
Ciclo di Belleville
Daniel Pennac
Giallo, Comico, Narrativa
Feltrinelli editore
1999
Copertina flessibile, Ebook
176

Thérèse, la profetessa di casa Malaussène, si è innamorata niente meno che di un rampollo dell'aristocrazia. Sulle prime Benjamin si rifiuta di conoscerlo ma, messo alle strette dalla tribù, accetta di invitarlo a cena. Il promesso sposo si presenta come un grande benefattore che, con l'aiuto dell'arte divinatoria della fidanzata, dedica parte del suo tempo e delle sue risorse a soccorrere i più deboli. Nonostante le perplessità del fratello maggiore, Thérèse decide di sposarlo ma, dopo il primo giorno di matrimonio, Thérèse torna, mogia e laconica, a casa. I timori di Benjamin erano fondati: lo sposo, nello scoprire che persa la verginità la moglie aveva perso anche il potere della preveggenza, non è riuscito a celare la propria delusione...

Ci sono libri che a leggerli sono sicura che mi piaceranno, che mi faranno venire voglia di finirli tutti di un fiato, che non riuscirò a smettere di essere immersa tra le loro pagine fino a che non leggerò la parola fine.
Tra i nomi che mi danno questa certezza abbiamo il mio amatissimo Daniel Pennac, di cui ho da poco finito “l’ultimo capitolo” ufficiale della saga dei Malaussène, seguito di recentissimo da un nuovo epilogo, ma che nasce come conclusione del ciclo di Belleville: sto parlando de La passione secondo Therésè, che ci riporta nel magico mondo strampalato del capro espiatorio letterario più famoso di sempre.

Di cosa parla La passione secondo Therésè?

Ritorniamo a Belleville, quartiere della periferia di Parigi dopo la nascita dell’ultimo arrivato della famiglia Malaussène, ovvero il piccolo Signor Malaussène. Therésè, la mistica veggente della tribù, va da Ben e gli comunica che ha deciso di sposarsi. Il futuro marito si chiama Marie-Colbert de Roberval, di nobili origini e consigliere referendario alla Corte dei Conti, del quale Benjamin non ha molta fiducia e del quale sospetta stia sposando la sorellina per interesse. La gelosia per la sorella minore corredata da una grossa diffidenza per questo uomo così ricco e potente, porteranno Ben a mettersi contro il matrimonio, a cui l’intero clan non verrà invitato. In più, aiutato dal brutto presentimento che anche questa volta verrà incolpato di un nuovo crimine che lo porterà a quarant’anni di prigione questa volta, il capofamiglia si prepara alla vita da carcerato. Appena dopo il matrimonio però Therésè tornerà a casa, e  verrà trovata la sua roulotte bruciata e il marito ucciso.

Da questo punto inizia quest’ultimo capitolo della saga parigina più bizzarra e divertente della letteratura, tra le solite false accuse e straoridnarie e improbabili coincidenze che porteranno a risolvere un nuovo mistero.

Anche questa volta il copione è simile ai precedenti volumi: abbiamo dei nuovi misteriosi personaggi che entrano nell’universo malauessèniano, un nuovo omicidio, i poliziotti che se la prendono con la famiglia. Non cambia molto dai precedenti volumi, la storia prende una piega sempre simile ma diversa, in cui la penna di Pennac ne esce ancora una volta a testa alta e soprattutto risultando  mai banale. Infatti, secondo me, è facile rischiare di essere ripetitivi in una serie di romanzi che hanno sempre la stessa struttura e modus operandi, ma al contempo la fantasia dell’autore propone ogni volta nuove strade e alternative creative che non annoiano mai il lettore. La passione secondo Therésè non è il volume migliore della saga a mio parere, ma riesce bene nel suo compito ed è all’altezza degli altri, portando nuovi improbabili risvolti a questa serie divertente e tragicomica.

In questo capitolo approfondiamo, come suggerisce il titolo italiano, la conoscenza di uno dei membri della famiglia il quale ruolo fino a ora è stato abbastanza marginale: l’ossuta e spigolosa Therésè, spirituale e ascetica sorellina minore, che vede il futuro e prevede disgrazie, cuore pulsante della tribù che fino a questo momento abbiamo visto più come figura pura e asessuata, devota al bene dei suoi cari. In questo capitolo però finalmente diventa una donna e mostra il suo carattere: bello lo sviluppo dato al personaggio, la sua voglia di differenziarsi dalla famiglia e dalla madre (cosa molto naturale e comprensibile visto il background familiare) che scopre la sua umanità e perché no la sua femminilità. Mi è piaciuto infatti il risvolto strampalato che viene dato alla sua grande storia d’amore, seguito dal fallimento del suo matrimonio causa opportunismo e soprattutto l’inconsueto epilogo che ci propongono alla fine del romanzo.

Per quanto riguarda la prospettiva principale, gli occhi grazie al quale vediamo questa storia, ovvero Benjamin Malaussène, si può dire che il personaggio rimane sempre fedele a se stesso, tranne per una cosa: per la prima volta da quando è protagonista di queste avventure, iniziate molto tempo fa in un centro commerciale, lui non è il capro espiatorio. Una scelta divertente, di cui ci si rende conto solo alla fine, dopo sei libri Pennac decide di disinvestire il suo personaggio principale della caratteristica che lo ha reso celebre e famoso.

Anche ne La passione secondo Therésè Pennac propone una storia stravagante, leggera, divertente alternata a temi sociali e messaggi più profondi al suo interno: come non accorgersi che già nel 1999 Pennac parla di fluidità sessuale, oppure le riflessioni sull’integrazione razziale sono state sempre protagoniste dei suoi volumi.

Il tema iniziale del libro può essere l’integrità politica, e il potere che cambia le persone o che le rende poco trasparenti. Con le solite follie narrate dallo scrittore, e raccontate dalla bocca di ben assistiamo a il racconto di una classe politica che spaventa e nasconde qualcosa sempre dietro, anche se lo fa nel migliore dei modi e mostra solo la faccia più bella di sé.

La mia opinione la avrete già capita leggendo la recensione: ho amato anche questo libro di questa serie di libri, perché, come già sapete oltre che Pennac è uno dei mie scrittori preferiti amo questo ciclo di storie. Se il penultimo libro letto (Ultime notizie dalla famiglia) era l’unico ad avermi deluso, questa volta sono ritornata a leggere il Professor Pennac che ho sempre amato, con la sua fantasia sfrenata e le sue storie strampalate, che mi fanno sorridere e amare ogni singola parola scritto. Non avete ancora letto un libro di questo ciclo, allora cosa spettate?

Per concludere, La passione secondo Therésè è un nuovo, eccentrico e frizzante capitolo di una delle saghe francesi più famose di tutti i tempi, in cui il giallo per una volta in letteratura prende delle pieghe comiche e ironiche. Da leggere per conoscere il frutto della passione dell’austera Therésè, e per stupirsi con il clan Malaussène ancora una volta.

Se la recensione vi è piaciuta e volete acquistare il libri lo trovate qui →Link affiliato amazon

se invece siete affamati di nuovi consigli di lettura, venite a trovarmi qui → Le recensioni di Book-tique.

Se invece vi ho incuriosito, e volete leggere tutta la saga, eccovi tutte le recensioni dei capitoli precedenti:

Il paradiso degli orchi

La fata carabina

La prosivendola

Signor Malaussène

Ultime notizie dalla famiglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *