Un'altra realtà

Recensione di Un’altra realtà di Sergio de Tomi

“La prigione rappresenta un vero e proprio mondo alternativo, abitato da persone che considerano la legge alla stregua di un consiglio spassionato. Qui dentro la criminalità raggiunge l’apice, trova l’habitat perfetto e germoglia sotto l’occhio disinteressato delle guardie, che si preoccupano solamente di sopravvivere per poter rivedere i propri figli. Quando vieni circondato dalla criminalità pura, devi effettuare una scelta: adattarti o morire. Mentre cammino, reggendo a stento gli sguardi divertiti di alcuni galeotti veterani, mi domando se diventerò una lucertola o un camaleonte.”

Oggi vi parlo di un thriller uscito da pochissimo del mio collega e concittadino Sergio de Tomi, conosciuto anche come Detos Book. Il romanzo è uscito il 15 febbraio scorso con il titolo Un’altra realtà.

Parlando Sergio, laureato in letteratura, lavora nel campo dell’editoria già da anni principalmente come editor, ed è già autore di altre pubblicazioni tra cui: la missione (Centoparole edizioni, 2018) e Follie d’amore (Lettere animate edizioni, 2018).
Pubblica Un’altra realtà con la casa editrice il Seme bianco come già antipato quest’anno.

Ma di cosa parla Un’altra realtà?

Dopo una sbronza devastante, Kevin si risveglia a casa del suo amico convinto di aver ucciso una ragazza la notte precedente. Non ricorda nulla, ma il telegiornale conferma che l’omicidio non è stato un brutto sogno e che veramente la notte precedente è morta una ragazza. La stessa del suo sogno.
Si sveglia a casa del suo migliore amico, il quale cerca di aiutarlo a nascondersi poiché il dubbio assale entrambi, che la sera precedente si erano persi di vista: Kevin inizia a mettere in dubbio tutto quello in cui crede di essere. Un punto di partenza per una storia che ci tiene con il fiato sospeso, tra sogno e realtà, per scoprire se veramente il protagonista è colpevole come crede.

Un’altra realtà è un romanzo che si legge tutto d’un fiato, un thriller che con la sua storia cattura il suo lettore dall’inizio alla fine senza poter smettere di leggerlo, per capire cosa è successo a il suo protagonista in quella notte di follie e black out.

Un romanzo che mischia sogno e realtà, una narrazione a tratti onirica che indaga la mente di un giovane che non riesce a ricordare nulla della sera peggiore della sua vita. Quindi il libro non ci propone solo azione e mistero, ma l’autore inserisce oltre all’omicidio e le indagini ci svela una parte più introspettiva e riflessiva nel suo personaggio; nella storia di Kevin in fuga da se stesso e da quel che può essere diventato, ci viene proposta tra le righe un’analisi dello stesso protagonista e coloro che lo circondano, che sfociano in riflessioni sulla famiglia, sulle amicizie, sui legami basilari non sempre facili, il tutto oscurato dall’ombra di una nuova identità.

Un’altra realtà ci propone anche una visione breve ma molto intensa della vita in carcere, della difficoltà di un ambiente duro da vivere, dei legami precari che si creano in un posto che può diventare tanto pericoloso, un luogo isolante dove non è facile creare dei rapporti sinceri, o banalmente rapporti di qualsiasi, che non sfoci nel conflitto.

L’aspetto che mi è più piaciuto del romanzo è il linguaggio molto curato, uno stile che in genere collide con la dinamicità di questo genere di libri, ma in questo caso questa ricercatezza da personalità allo scritto e lo differenzia dalla massa; in più troviamo molte citazioni letterarie sparse più o meno velatamente nel testo, cosa che apprezzo sempre moltissimo in qualsiasi libro.

Concludendo, Un’altra realtà è un libro molto breve e che si legge con una facilità immensa, consigliato agli amanti del genere, ma anche a chi vuole scoprire un nuovo autore che con questo romanzo dimostra di avere molte potenzialità; da leggere per entrare nella mente di Kevin, per capire davvero cosa è successo l’unica notte della sua vita che ha perso la memoria.

Se vi è piaciuta la mia recensione, e siete tanto curiosi da volerlo leggere ora, potete acquistare il libro qui:

Alla prossima con una nuova recensione,
ma se non riuscite proprio ad aspettare Per altre recensioni di nuovi autori potete venire a trovarmi qui

Giorgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *