I libri più belli del 2018

I libri più belli del 2018: la mia top 10 (basata sulle mie letture!)

I libri più belli del 2018

E anche il 2018 è finito, chi l’avrebbe mai detto che sarebbe stato così veloce anche quest’anno.
La fine dell’anno è sempre un momento in cui si fanno bilanci, si valuta e si mettono su una bilancia le cose belle e quelle brutte accadute nei precedenti 12 mesi, se siamo stati buoni o cattivi, fortunati o meno e così via.
Io, che sono una persona molto riflessiva, lo faccio puntualmente e passo al vaglio tutto quello che mi accade. Lo fate anche voi?
Visto che qui su Book-tique si parla di libri, oggi faccio un bilancio proprio su quello: vi parlerò dei più bei libri del 2018; non mi va però di parlare dei libri più belli che sono usciti quest’anno, ma vi parlo di quelli che ho letto io e mi sono piaciuti di più.
Per la cronaca ho letto un bel po’ di libri nel 2018, circa 70, tra cui: pochissimi bruttini, un paio solo che proprio non mi sono piaciuti, molti nella media, tanti bei libri e alcuni capolavori; ma alla fine ho dato un solo 10.

Quest’anno infatti scegliere la classifica è difficile, ma ci provo.
Eccovi i miei più bei libri del 2018.

10 – L’amico ritrovato, Fred Ulhman

Rileggere un romanzo che si è letto da bambini è una cosa magica: per questo l’Amico ritrovato merita un posto nella mia classifica di libri più belli del 2018. La storia parla di due amici, un ragazzo tedesco e uno ebreo che diventano indivisibili, quasi fratelli. Riuscirà un’amicizia a combattere la brutalità del nazismo? Fred Uhlman ce lo racconta con una dolcezza fuori dal mondo, in un romanzo incredibile che tutti dovrebbero leggere almeno una volta nella vita, se non due.

9 – Harry Potter, la saga, J.K. Rowling

Il nono posto della mia classifica dei libri più belli del 2018 è occupato da un’altra rilettura: la saga di Harry Potter, di cui ho liletto i primi tre libri in inglese, e continuerò nell’anno nuovo la mia rilettura. Da fan accanita gli avrei lasciato il primo posto, ma dato che l’ho già letta tutta molti anni fa, ho deciso di dare al maghetto più famoso di sempre un posto d’onore a fine classifica. Cosa dire su Harry Potter? Magico!

8- Signor Malausséne, Daniel Pennac 

Al numero otto della classifica dei miei libri più belli del 2018 ci metto uno dei romanzi della saga dei Malausséne: Signor Malausséne, per ora il mio preferito di tutta la serie di Daniel Pennac. La storia parla della nascita del bambino di Ben il capro espiatorio e Julie, attraversando come al solito una narrazione sconclusionata e allucinata, con tema il cinema, un film supersegreto e illusionisti senza volto e un nuovo mistero da risolvere. Amo la famiglia più pazza di Belleville, e soprattutto benvenuto signor Malausséne!

7-La Metamorfosi, Franz Kafka

La storia di Gregor commesso viaggiatore che si trasforma in insetto mi ha incantata, tanto da finire questo racconto in mezza mattinata; un libri incantevole, bello, profondo ma allo stesso orripilante e ansiogeno. Queste poche pagine mi hanno fatto innamorare dello stile di questo immenso autore, della sua scrittura e per finire della sua storia. Bello bello bello, lo mettiamo nella nostra top ten dei libri più belli del 2018, Kafka e la sua Metamorfosi merita il serttimo posto.

6 – Jane Eyre, Chalotte Bronte

Un altro classico in classifica, e questa volta si parla di un classicone. Ho iniziato Jane Eyre controvoglia, dopo mesi che prendeva polvere in libreria. Ma dopo poco che leggevo me ne sono innamorata soprattutto per la sua protagonista femminile: una donna dell’ottocento ma che sembra dei nostri giorni: Una donna determinata, che nel suo tempo e nelle sue sfortune riesce ad autodeterminarsi, ed a fare sempre ciò che è giusto e ma soprattutto facendolo di testa sua. Odoro Jane, la Bronte mi ha conquistata e per questo le diamo il posto sei della mia classifica dei libri più belli del 2018.

5 – Una stanza piena di gente, Daniel Keyes

Al quinto posto della dei miei libri più belli del 2018 ci va un libro di cui ho parlato a tutto il mondo; la storia vera dell’uomo con ventiquattro personalità, l’unico criminale assolto negli USA, nonostante si abbia avuto la certezza di reato. Una storia che mi ha letteralmente attaccata a essa, e un pelo ossessionata, affascinata dalla vita e dalla psicologia fuori dal comune di Billy Milligan. Gli do il quinto posto, solo perché ho letto dei veri capolavori della letteratura. Se no il primo era tutto suo!

4- Lolita, Vladimir Nabokov

Appena sotto il podio, un libro che mi ha sconvolta in molti modi, ma il principale è per quanto mi ha colpito, soprattutto perché mi aspettavo da lui qualcosa di totalmente diverso. Sto parlando del mitico Lolita, di Nabokov. Una storia che turba gli animi, un pedofilo che racconta della sua ossessione per la figliastra, raccontato in maniera praticamente impeccabile dalla maestria della penna di Nabokov. Un talento, vero quello dell’autore, non ho mai letto un libro che non poteva essere scritto meglio. È stato difficile scegliere, e non metterlo più su come posizione, ma Meritatissimo il quattro posto della mia classifica dei libri più belli del 2018.

3 – Il sole dei morenti, Jean Claude Izzo

alla base del podio della mia classifica dei libri più belli del 2018 c’è una delle scoperte letterarie di quest’anno; Jean -Claude Izzo e il suo il Sole dei morenti. Un libro sconosciuto ai più ma secondo me un vero e proprio gioiellino letterario che merita davvero di esser letto, dalla trama decisamente fuori dal comune; il protagonista di questa storia è un senza tetto, un clochard, un barbone insomma. E ci viene raccontata in questo romanzo la sua storia, la sua vita prima e dopo la strada. Un racconto che ho trovato di un umanità infinita, che mi ha incollata alle pagine del libro e conquistata: qui l’autore mi fatta innamorare lateralmente, specialmente per come racconta la normalità della vita del suo protagonista.

2- La casa del sonno, Jonathan Coe

Appena sotto il primo posto lo diamo alla seconda scoperta letteraria di quest’anno. Uno di quei libri di cui ho parlato in continuazione durante il 2018, a tutti, consigliato e riconsigliato al monto. La casa del sonno è un libro caotico, confusionario, stralunato, decisamente pazzo. Ed è per questo che mi ha davvero appassionata. La trama ruota attorno ad una residenza, ad Ashdown, raccontata negli anni 80 e al presente (1996) in cui vediamo i protagonisti di un tempo, che nella palazzina erano degli studenti un tempo, svolgere le proprie vicende nel presente in quella stessa struttura che ha oggi una nuova vita di quella casa sulla scogliera, quella di una clinica del sonno. Un finale shockante, lo ha proprio consacrato come uno dei miei libri migliori del 2018.

1- Come un Romanzo, Daniel Pennac.

Ebbene si, al primo posto non c’è un romanzo ma un saggio; un libro che ho letto all’inizio di quest’anno e che in cuor mio ho subito saputo che sarebbe stato, se non il più bello in assoluto, almeno uno dei più. Ma nessuno durante il 2018 l’ha spodestato, anche se ho letto , un saggio particolarissimo di uno dei miei autori preferiti che racconta l’amore per la lettura. Mi ha ammaliata, rimarrà come uno dei miei libri preferiti credo per sempre perché l’ho trovato un libro pieno di verità, e della mia più grande passione: i libri! Aggiungiamo anche che l’autorre è uno dei miei preferiti, e sono lieta di decretare ufficialmente Come un romanzo come il primo dei libri più belli del 2018.

Mi scuso con tutti quegli otto lasciati fuori dalla classifica, eravate tanti e sicuramente non potevate essere tutti nella top ten. Ma voglio fare una menzione d’onore ad alcuni libri che mi hanno lasciato dentro qualcosa: Olive Kitteridge di ElizabethSstrout, After Dark di Murakami, Quel figlio negato di Francesca Ognibene, Orlando Incazzato di Sabrina Longo, Le notti Bianche di Fedor Dostoevskij, Diario di scuola di Pennac.

E voi avete letto qualcuno di questi libri?
Cambiereste in qualche modo la mia classifica?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *